Fabio Pietrantonio a The Nature Art Gallery

fabio-pietrantonio-the-nature-art-gallery

 

Fabio Pietrantonio Italia, 1966
Natural Love. 2017

Tecnica mista su cartone,con l’utilizzo di tessuto, carta, corda e foglia rame, 212 x 162 cm

 

Fabio Pietrantonio nasce a Torino il 27 Novembre 1966.

Inizia la sua esperienza artistica attraverso l’organizzazione di feste ed eventi a tema a ibiza (Spagna), a Porto Cervo (Sardegna) e a Milano, piani cando e realizzando tutti gli artwork delle decorazioni.

A partire dai primi degli anni ’90, cominciano anche le prime partecipazioni a mostre collettive con altri artisti italiani. Sempre in Sardegna ha modo di conoscere lo scultore Gaspare da Brescia di cui diventa aiutante per circa tre anni partecipando alla realizzazione di opere di soggetto religioso commissionate dai Musei Vaticani, esperienza che segnerà il primo contatto di Pietrantonio con l’iconogra a sacra e il suo autonomo e originale approcciarsi ai simboli biblici.

I viaggi e i lunghi soggiorni in Australia si dimostrano assai pro cui per il suo percorso di crescita artistica. Entra presto in contatto con gruppi di artisti e scuole a Sydney e Byron Bay ma è l’incontro con le popolazioni autoctone a condizionare fortemente la sua formazione.

Pietrantonio comincia la sua personale ricerca osservando il simbolismo e la spiritualità degli aborigeni australiani; attingendo da una civiltà ancora legata a uno stile di vita primitivo e da una cultura integra e non contaminata dal progresso e dall’industrializzazione, prende piena coscienza di quelli che saranno gli elementi costituitivi della sua visione poetica incentrata a un ritrovato equilibrio interiore e a un armonico rapporto con la natura.

Sarà un altro viaggio a segnarlo profondamente questa volta in new Mexico dove ha modo di conoscere ed esplorare i Pueblos dei nativi americani, incontrando gli “anziani” e scoprendo le suggestioni dei rituali e il fascino della celebrazione attraverso la simbologia del sacro.

L’artista percepisce da queste culture un intimo messaggio e comprende l’importanza di superare gli stati di alienazione e le ansie che contraddistinguono la società occidentale contemporanea riscoprendo un originario e organico rapporto con il creato.

L’ordine “cosmico” del lavoro di Pietrantonio è espresso attraverso l’utilizzo di materiali come legno, pietra, polvere, sabbia e pigmenti equilibrato con i metalli, garze, tessuti, corde e anche petali di ori. Oggetti che seleziona accuratamente prelevandoli da ambienti incontaminati per poi ricombinarli con attenzione sulla tela, nelle installazioni o in performance rituali alla ricerca di un’armonia di forme, colori e sensazioni.

Incontrandolo durante le sue mostre e in preparazione a esse nei suoi atelier a Milano come a torino, le persone entrano in contatto diretto con l’artista condividendone l’estro creativo del momento.

Fabio Pietrantonio, con la sua personalità solare, amichevole e dinamica, è l’esatto contrario dello stereotipo dell’artista riservato e tormentato che riversa nella proprie opere con itti, ansie e tensioni esistenziali.

Dopo la serie degli attacchi terroristici avvenuti nel mondo, dal 2004 Pietrantonio inizia a dipingere e rappresentare animali totemici simboli di protezione che trasmettono messaggi di pace e di fede.

Fortemente impressionato dalla gura di Karol Wojtila, Pietrantonio inizia un ciclo parallelo di arte sacra, interpretando vari ritratti di Giovanni Paolo ii e soffermandosi in special modo sul messaggio di intensa spiritualità emersa nelle ultime fasi del ponti cato segnate dalla sofferenza e dalla lotta contro la malattia.

L’anelito mistico che contraddistingue la ricerca di Pietrantonio travalica le singole credenze religiose e indaga, secondo una visione panteistica e sciamanica, il senso profondo di comunione e ricongiungimento tra l’uomo e la natura.

Il suo atelier milanese a pochi passi da Santa Maria delle Grazie è un luogo pensato per la condivisione e lo scambio delle idee con amici, collezionisti e operatori culturali; dal settembre 2015 è anche la sede dell’archivio documentario il cui staff si occupa della catalogazione e valorizzazione della produzione dell’artista organizzando eventi espositivi, performance e pubblicazioni.

 

This post is also available in: Inglese