La Sardegna Orientale in 10 tappe da Cagliari a Olbia

Cosa vedere in Sardegna Orientale

La Sardegna Orientale da Cagliari e Olbia è un susseguirsi di attrazioni: città dalla lunga storia affacciate sul mare, alcune delle spiagge più belle della Sardegna, i paradisi naturali dell’Ogliastra, il fascino della Costa Smeralda e Porto Cervo. Qualche settimana fa vi abbiamo raccontato le cose da vedere e da fare da Alghero ad Olbia. In questo articolo proseguiamo il nostro viaggio verso Cagliari (o viceversa) attraverso 10 imperdibili tappe.

Prima di partire: come arrivare a Cagliari e Olbia

Cagliari e Olbia ospitano entrambe porto e aeroporto. L’aeroporto Cagliari-Elmas si trova a soli 6 km dalla città. È collegato alle principali città italiane ed europee attraverso numerose rotte stagionali e annuali con voli operati da compagnie di bandiera e low cost. A Olbia, l’aeroporto Costa Smeralda e il terminal per l’aviazione privata Eccelsa permettono di raggiungere l’isola in 2/3 ore dalle capitali europee e dal resto d’Italia. Il porto turistico di Cagliari accoglie i traghetti da Civitavecchia, Napoli e Palermo. Olbia garantisce le rotte navali anche con Livorno e Genova. Infine, Cagliari e Olbia sono collegate dalla SS 125, meglio conosciuta come Orientale Sarda. È una delle principali strade della Sardegna, molto amata dai motociclisti per le sue curve panoramiche.

La Sardegna Orientale in 10 tappe

1. Le bellezze di Cagliari

Cosa vedere a CagliariLa città capoluogo della Sardegna è talmente ricca di storia e di attrazioni culturali, archeologiche, naturalistiche ed eno-gastronomiche, da richiedere un articolo a parte (oppure potete scaricare la guida di Cagliari di Guide Me Right).  Anche le spiagge vicino Cagliari meritano di essere visitate. In particolare Mari Pintau a Quartu Sant’Elena. La spiaggia è celebre per il colore della sua battigia, dove la sabbia si mischia a ciottoli granitici che danno all’acqua molteplici sfumature. Pertanto, se volete apprezzare Cagliari vi suggeriamo di fermarvi almeno 2 giorni per:

  • visitare il quartiere Castello, simbolo della città, con i suoi bastioni;
  • fare un’escursione alla Sella del Diavolo, promontorio naturale con vista mozzafiato su tutto il golfo;
  • salire sulla Torre dell’Elefante e perdervi tra le viuzze del centro storico;
  • ammirare lo splendido anfiteatro romano;
  • gustare un’ottima cena a base di pesce nello storico quartiere Marina, un tempo abitato da pescatori.

2. Villasimius

A Villasimius si trovano alcune delle spiagge del sud Sardegna più belle e più famose. Segnaliamo: Punta Molentis, una lingua di sabbia bianca e fine protetta da una suggestiva collina con un piccolo nuraghe; Porto Giunco, che regala uno scenario da spot pubblicitario reso unico dallo stagno antistante abitato dal fenicottero rosa; la spiaggia del Riso nei pressi del centro abitato.

Le meravigliose spiagge della Sardegna sud est

3. Il litorale sabbioso di Castiadas

Anche il territorio di Castiadas ospita delle località balneari da sogno. Cala Pira è inconfondibile per la torre immersa nelle macchia mediterranea e la sabbia dalle sfumature rosate. Cala Sinzias è la spiaggia più celebre, perfetta per le famiglie con bambini per il fondale sabbioso che degrada dolcemente, profumata dai gigli bianchi che fioriscono sulle dune retrostanti.

4. Muravera e Costa Rei

Spiagge Sardegna Sud EstLa costa della Sardegna Orientale tra Muravera e Castiadas è un unico tratto di litorale sabbioso che si estende per oltre 10 km. Lungo di essi si trova la celebre Costa Rei. Nel 2009 Lonely Planet, la prestigiosa casa editrice specializzata in guide di viaggio, l’ha inclusa nelle 10 spiagge più belle del mondo. In realtà Costa Rei non è una spiaggia ma un susseguirsi di strisce di sabbia, una più bella dell’altra: dallo scoglio di Peppino, simbolo della località, all’Iba de Ziu Franciscu. Sempre nel tratto costiero appartenente al piccolo centro di Muravera segnaliamo: le calette di Porto de S’Illixi e Cala Su Figu nei pressi del promontorio di Capo Ferrato e i 2 km di sabbia color bronzo di Feraxi.

La Sardegna Centro Orientale

5. Le più belle calette della Sardegna del Golfo di Orosei e Baunei

Orosei spiaggeSiamo arrivati nel centro della Sardegna, circa a metà strada tra Cagliari e Olbia. La costa sabbiosa tipica del sud est dell’isola si interrompe per lasciare spazio a imponenti falesie immerse nella macchia mediterranea che si affacciano imponenti sul mare e si aprono nelle più famose calette delle Sardegna tra Baunei e Orosei. Nel tratto a sud troviamo le celebri Cala Luna, Cala Sisine, Cala Mariolu e Cala Goloritzé. Non si può non fare una gita in barca alla scoperta di queste meravigliose insenature difficilmente raggiungibili a piedi. È proprio grazie a questo, che questo tratto di costa regala ancora oggi scenari incontaminati e selvaggi. Più si sale verso nord, più le imponenti rocce calcaree iniziano ad abbassarsi fino a trasformarsi nelle morbide dune di Capo Comino, a Siniscola. Lungo questo tratto di costa si trovano le meravigliose spiagge di Orosei raggiungibili comodamente anche in auto: Bidderosa, Cala Ginepro, Cala Liberotto e Cala Fuili.

6. Una sosta a Cala Gonone

spiagge OgliastraFermiamoci per una tappa a Cala Gonone. Da questa rinomata località turistica partono i traghetti per visitare le belle grotte del Bue Marino, che dalla costa penetrano nella roccia per ben 15 km. La cittadina è inoltre rinomata per i suoi ristoranti di pesce. Se avete dei bambini invece, potete visitare l’acquario di Cala Gonone che oltre alle specie del Mar Mediterraneo ospita una sezione dedicata ai mari tropicali.

7. Il paradiso degli escursionisti a Dorgali

Lasciamo la costa della Sardegna Orientale per spingerci nel centro dell’isola. Dorgali è un paesino dal territorio molto esteso, cuore del parco naturale dei Golfo di Orosei e del Gennargentu. È una località molto frequentata dagli amanti del trekking, della mountain bike, del free climbing. Un vero e proprio paradiso per gli escursionisti con straordinari itinerari lungo sentieri rocciosi che all’improvviso si aprono sul mare regalando scenari mozzafiato. Fanno parte del comune di Dorgali la grotta di Ispinigoli, che custodisce al suo interno la stalagmite-stalattite più alta d’Europa e il villaggio nuragico-romano di Tiscali, nascosto tra le doline carsiche del Supramonte di Oliena e Dorgali.

La Sardegna nord orientale fino a Olbia

8. San Teodoro e il villaggio Puntaldia

spiagge Costa Smeralda e Porto CervoEntriamo ufficialmente in Gallura e raggiungiamo San Teodoro. Lungo il suo litorale si trovano alcune delle spiagge più belle del nord Sardegna: La Cinta, Isuledda, Cala Brandinchi. La cittadina nel corso degli anni si è attrezzata per divenire uno dei centri turistici meglio attrezzati della Sardegna. San Teodoro è una meta perfetta per gli sportivi. Dispone di impianti per praticare tennis, calcio e golf. Le sue lunghe spiagge bianche sono perfette per il beach volley e gli sport acquatici. Mentre basta spostarsi di pochi chilometri dalla costa per scoprire suggestivi sentieri ideali per bikers e per gli amanti delle passeggiate nella natura. Poco distante si trova il Villaggio Puntaldia, in cui Immobilsarda ha recentemente inaugurato un ufficio immobiliare. Il villaggio Puntaldia offre prestigiosi immobili in vendita e molteplici servizi, comfort esclusivi per i residenti, un porticciolo turistico con oltre 400 posti barca.

9. Il parco naturale di Tavolara

Una volta arrivati a San Teodoro non potrete non notare sullo sfondo Tavolara e Molara. Queste due isole invadono l’orizzonte creando un meraviglioso panorama con il loro inconfondibile profilo. La leggendaria isola di Tavolara fa parte dell’area marina protetta di Tavolara e Capo Coda Cavallo. Si tratta di un tratto di costa di grande valore naturalistico. Le isole sono raggiungibili in barca. Non rinunciate a una gita sull’isola durante la quale fare un piacevole bagno nelle sue acque incontaminate.

10. Olbia e la Costa Smeralda

Dopo oltre 300 km raggiungiamo Olbia. Abbiamo già scritto di quest’ultima tappa nell’articolo Cosa fare nel nord Sardegna da Alghero e Olbia. La più importante città della Gallura non è solo una delle principali porte d’accesso all’isola. È anche un centro dotato di innumerevoli servizi e attrazioni. Inoltre da Olbia sono raggiungibili in poche decine di minuti le località più esclusive della Costa Smeralda e Porto Cervo.

 

Sia che arriviate da Cagliari o che sbarchiate a Olbia, la Sardegna Orientale è un lungo tratto dell’isola da visitare preferibilmente a tappe per dedicare il giusto tempo alle sue numerose attrazioni. Noi vi suggeriamo di scegliere come base di partenza le prestigiose villette sul mare e i moderni appartamenti che Immobilsarda propone in vendita in Gallura-Costa Smeralda. Da queste confortevoli proprietà potrete godere delle meraviglie più vicine del nord Sardegna o spingervi verso sud alla scoperta della costa orientale.

This post is also available in: Inglese